Pancotto

…Era la pappa dei bambini, dei vecchi sdentati e dei
malati.

Era soprattutto il cibo della puerpera costretta a
letto : 8 dì in lett e 8 dì inturna al lett.

Si comperava dal fornaio la michetta di pane bianco,
rafferma di alcuni giorni, si sminuzzava nel pentolino
aggiungendovi acqua e burro. Il pancotto borbottava accanto
al fuoco del camino, rigirato come la polenta.
Se disponibile, al posto di acqua e burro si usava brodo di
carne o l’estratto di carne venduto in vasetti di coccio
preparato a Varese in viale Betforte: il Liebig.
Per gli adulti si rompeva nel tegamino un uovo.

Natalina Avigni Conti

Mondeghini